Digital banking

BankSealer, il machine learning aiuta gli analisti a scovare le frodi

La soluzione personalizzabile, che si adatta ai criteri di ricerca degli specialisti dell’individuazione delle operazioni fraudolente, si è distinta ai Digital360 Awards nella categoria “IT Architecture, Security, Governance”, vincendo il premio dedicato al settore Banche

Pubblicato il 26 Lug 2016

frodi-finanziarie-ekogenio-150227162110

È molto più di un tool di identificazione delle frodi finanziarie. È un vero e proprio supporto – leggero, personalizzabile e intuitivo – per l’analista specializzato in questo delicatissimo genere di task. BankSealer è imperniato sull’algoritmo di machine learning sviluppato in un progetto di ricerca del Politecnico di Milano a cura di Michele Carminati e aiuta le banche a scovare le operazioni fraudolente con una logica nuova: anziché portare all’attenzione le transazioni sospette in base a parametri predefiniti, come farebbe una qualsiasi black box, BankSealer permette all’operatore di comprendere a fondo quali sono le motivazioni per cui è stata selezionata una classe di transazioni invece di un’altra, con la possibilità di imparare le preferenze dell’utente e incorporarle nei processi di analisi e ricerca. Per il suo approccio innovativo, il progetto, finalista nella categoria “IT Architecture, Security, Governance” ai Digital360 Awards, si è anche aggiudicato il premio speciale per il settore Banche. Qui in basso è possibile vedere la videointervista a Claudio Caletti, founder di Buildo, a cui fa capo BankSealer.

Il sistema di supporto semiautomatizzato alle decisioni per analisi di frodi nell’Online Banking

Il sistema di supporto semiautomatizzato alle decisioni per analisi di frodi nell’Online Banking

Guarda questo video su YouTube

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3