Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Digital banking

BankSealer, il machine learning aiuta gli analisti a scovare le frodi

La soluzione personalizzabile, che si adatta ai criteri di ricerca degli specialisti dell’individuazione delle operazioni fraudolente, si è distinta ai Digital360 Awards nella categoria “IT Architecture, Security, Governance”, vincendo il premio dedicato al settore Banche

26 Lug 2016

redazione

È molto più di un tool di identificazione delle frodi finanziarie. È un vero e proprio supporto – leggero, personalizzabile e intuitivo – per l’analista specializzato in questo delicatissimo genere di task. BankSealer è imperniato sull’algoritmo di machine learning sviluppato in un progetto di ricerca del Politecnico di Milano a cura di Michele Carminati e aiuta le banche a scovare le operazioni fraudolente con una logica nuova: anziché portare all’attenzione le transazioni sospette in base a parametri predefiniti, come farebbe una qualsiasi black box, BankSealer permette all’operatore di comprendere a fondo quali sono le motivazioni per cui è stata selezionata una classe di transazioni invece di un’altra, con la possibilità di imparare le preferenze dell’utente e incorporarle nei processi di analisi e ricerca. Per il suo approccio innovativo, il progetto, finalista nella categoria “IT Architecture, Security, Governance” ai Digital360 Awards, si è anche aggiudicato il premio speciale per il settore Banche. Qui in basso è possibile vedere la videointervista a Claudio Caletti, founder di Buildo, a cui fa capo BankSealer.

BankSealer, il machine learning aiuta gli analisti a scovare le frodi

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 3