Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Arag Assicurazioni S.p.A

Arag Assicurazioni

Arag Assicurazioni: servizi telefonici avanzati permettono ai clienti di contattare rapidamente il personale

01 Feb 2010
Arag Assicurazioni S.p.A. è la compagnia italiana del gruppo
tedesco omonimo, partner indipendente per il diritto e la tutela
riconosciuto a livello internazionale. Complessivamente il gruppo
ha 3.400 collaboratori con un volume di affari e premi pari a 1,4
miliardi di Euro.

Il primo passo effettuato da Arag Italia in tema di Unified
Communication & Collaboration è stato, all’inizio del
2007, il processo di migrazione alla tecnologia VoIP.
L’obiettivo principale del progetto di comunicazione
unificata di Arag Italia è stato quello di fare in modo che ogni
utente esterno all’azienda potesse mettersi in contatto con
una persona interna nel più breve tempo possibile. Il
raggiungimento di questo risultato è stato possibile attraverso
l’introduzione di una soluzione VoIP integrata con alcuni
servizi applicativi. Il nuovo sistema telefonico adottato da Arag
Italia è basato sui concetti di “presenza” e di
“caduta telefonica”: la possibilità da parte di
ciascuna persona di Arag Italia di definire la propria
disponibilità nel corso della giornata (presenza) e di definire
un elenco di colleghi che possano rispondere nel caso in cui
l’interessato risulti irreperibile (caduta telefonica).

L’implementazione di queste soluzioni di Unified
Communication & Collaboration ha portato a notevoli benefici
sia dal punto di vista dei risparmi, sia soprattutto in termini
di velocità di risposta al business e dell’efficienza del
lavoro interno. In futuro l’azienda ha intenzione di
concentrare la propria attenzione anche sulla possibilità di
accedere ad alcuni servizi ed applicazioni tramite dispositivi
mobile.

Articolo 1 di 5