Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Come sfruttare la tecnologia Flash per potenziare gli ambienti virtuali

Scarica gratuitamente

Come sfruttare la tecnologia Flash per potenziare gli ambienti virtuali

SCARICA IL WHITEPAPER
file_download

La memoria Flash permette di velocizzare gli accessi, ridurre la latenza e garantire maggiore efficacia nella gestione di I/O casuali. In questa guida le opzioni disponibili e tutti i vari criteri di scelta che vi aiuteranno a risolvere i problemi prestazionali della virtualizzazione, massimizzando le prestazioni

20 novembre 2014

Uno dei problemi con lo storage è che i sistemi a disco rigido ormai faticano a stare al passo con l’onda montante della “fame” di archiviazione.

La sfida è duplice: da un lato riguarda la grande quantità di memoria richiesta a supporto del traffico di lettura e scrittura che un singolo host può generare in un dato momento e, dall’altro, ha a che fare con la casualità di questi processi di lettura e scrittura.

Negli ultimi tempi una strategia vincente è lavorare sulla memoria Flash, sfruttando una tecnologia di gestione dello storage in grado di velocizzare i processi, ridurre la latenza e garantire maggiore efficacia nella gestione di I/O casuali.

In questa guida redatta da TechTarget sono analizzati i vari problemi prestazionali e le diverse opzioni possibili nell’uso della tecnologia Flash, con una descrizione dei vantaggi e degli svantaggi ma anche delle modalità di intervento, partendo da una serie di analisi. In dettaglio vengono spiegati i come e i perché di:

  • un approccio ibrido che, attraverso tecnologie di tiering o di caching, assicura che il set di dati più attivo risieda sulla partizione allo stato solido
  • un approccio all-flash, che prevede array da alte prestazioni integralmente basati su tecnologia Flash
  • un approccio condiviso, ovvero con un software di caching lato server e una memoria flash installata internamente
  • una serie di configurazioni della flash diversificate a partire dai disk drive SSD (SATA o SAS), dalle schede PCIe Flash o dalle flash collegate attraverso il bus di memoria con moduli di memoria DIMM (dual inline).

Grazie alle varie casistiche e classificazioni, sarà possibile capire concretamente quando e quanto sia veramente necessaria la tecnologia Flash e in che modo dovrebbe essere usata. I criteri di scelta presentati includono una valutazione dei costi, in modo da consentire di considerare nel dettaglio un rapporto prezzo/prestazioni.

<a data-cke-saved-href=”https://ict4.wufoo.com/forms/m1oirtr0a4qazc/” href=”https://ict4.wufoo.com/forms/m1oirtr0a4qazc/”>Fill out my Wufoo form!</a>

Scarica gratuitamente

SCARICA IL WHITEPAPER