Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Traguardi

«Più valore per CIO e CFO». Qintesi e il caso dello “sviluppo competente”

Il meeting che si è svolto a Bardolino è stato teatro di importanti annunci tra cui i risultati raggiunti dalla società e le sue nuove linee guida che caratterizzeranno i prossimi mesi

27 Set 2014

Anna Ferrari

La società di consulenza Qintesi, specializzata nel favorire i processi e i sistemi informativi aziendali nelle aree dei CFO e dei CIO, durante il meeting che si è tenuto l’estate scorsa a Bardolino, ha presentato alla propria struttura i risultati raggiunti e ha delineato quelle che saranno le linee guida che la società intende seguire nei prossimi mesi.

I temi cardine del workshop sono stati l’organizzazione interna e lo sviluppo commerciale e, come ha ribadito Angelo Amaglio, presidente di Qintesi: “Come lo scorso anno ci tenevamo a riunirci con tutta l’azienda per offrire una panoramica sui risultati raggiunti, ma soprattutto per ragionare insieme sulle prospettive future”.

La chiave del meeting Qintesi è stata lo sviluppo competente che, durante la due giorni di lavori, ha coinvolto tutte le strutture aziendali in cui si è discusso del nuovo approccio al business development e si è lavorato sul processo di generazione di idee e proposte attraverso l’utilizzo di una piattaforma intranet “collaborativa” che riesca a ridurre le linee di comunicazione e che acceleri il knowledge sharing. Sono anche stati resi noti i risultati finanziari che hanno visto l’azienda superare i 7,5 milioni di euro di fatturato nel 2013 con l’obiettivo, per l’anno 2014, di raggiungere un’ulteriore crescita del 10-12%.

“Il nostro Gruppo è cresciuto parecchio nel corso dello scorso anno fiscale – ha ancora aggiunto Amaglio – e attualmente abbiamo superato un organico di 100 unità, suddivise per il 65% negli uffici di Milano, il 25% in quelli di Mestre e il 10% in quelli di Bergamo. La loro suddivisione per Competence Center è ben strutturata e copre tutte le nostre aree d’offerta. Il nostro primario obiettivo resta quello di affrontare le sfide del mercato continuando a creare valore per tutti i clienti grazie alle solide competenze di un Gruppo professionale affidabile e coeso. Tutto questo è possibile soltanto mantenendo elevato lo sviluppo delle nostre practice, accrescendo le competenze, ma anche condividendo con tutto il Gruppo le esperienze professionali e le idee innovative di ognuno di noi”.

Articolo 1 di 5