Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Social e Business

Il nuovo algoritmo di Facebook. Per farsi vedere bisogna pagare

Qualcuno come Calcionapoli24.it si è già rivolto al tribunale dopo essersi accorto del crollo delle visite al suo portale. Perché Facebook ha modificato l’algoritmo che regola il news feed e per molti sono stati dolori

27 Mar 2014

Luigi Ferro

In pratica l’utente medio del social network riceve ogni giorno 1500 messaggi. Una massa difficilmente gestibile dal social network che creerebbe un affollamento esagerato con perdita di visibilità di molte notizie. Già prima l’algoritmo selezionava la quantità di messaggi e alcuni esperti sostenevano che solo il 16% dei post degli “amici” apparivano sul news feed dell’utente. Poi Facebook è intervenuta modificando l’algoritmo e dando un’occhio particolare agli investimenti pubblicitari.

In pratica se sei un’azienda più paghi più hai la possibilità di raggiungere i tuoi fan. Secondo quanto ha raccontato l’editore del portale partenopeo a Dublino, sede europea di Google, gli hanno chiesto diecimila euro mensili di investimento pubblicitario per tornare ad avere il suo normale flusso di clic sulle sue pagine.

“Le persone condividono come mai prima. La competizione è crescente e le pagine fan vedranno probabilmente un cambiamento nella diffusione dei contenuti, compresa una diminuzione della visibilità organica. Ci aspettiamo che questa tendenza continui. […] I proprietari delle pagine devono utilizzare la strategia più efficace per raggiungere le persone giuste: una combinazione di post creativi e interessanti e pubblicità per promuovere i propri messaggi”. E’ questo il messaggio del social network che in pratica chiarisce il senso dell’operazione.

L’operazione ha ovviamente creato del malcoltento presso le aziende. Forrester, per esempio, è tornata più volte sull’argomento ribadendo la sua perplessità rispetto agli investimenti pubblicitari sul social network.

Secondo il vice president della società di ricerca Nete Elliot c’è un’evidente “frustrazione” da parte dei brand. Dopo avere scritto nello scorso autunno una lettera a Mark Zuckerberg che ha generato una forte discusione, Elliot è tornato sull’argomento con un sondaggio effettuato su quasi quattrocento marketer affermando che “Facebook crea valore di business meno di qualsiasi altra opportunità di marketing digitale”.

Dopo avere speso anni per acquisire fan per le loro pagine, le aziende oggi devono semplicemente pagare per acquisire visibilità.

“Brand e agenzie parlano apertamente della loro insoddisfazione”, scrive il vice president di Forrester. “Ogni giorno parlo con marchi delusi dal social network e che ora scommettono su altri social network”.
L’effetto di questa rivolta nei confronti del nuovo algoritmo non si è però ancora vista sui conti della società di Zuckerberg.

Il quarto trimestre si è chiuso con un balzo negli utili di 523 milioni di dollari, rispetto ai 64 milioni dell’anno scorso. I ricavi crescono del 63% per un totale di ben 2,59 miliardi di dollari. In Borsa il titolo è in continua crescita da luglio dello scorso anno. Da 24 dollari è passato agli attuali 69. A tirare è soprattutto la pubblicità cresciuta in un anno del 74% con il mobile advertising che ha conquistato quasi metà della torta.

Le ombre sul futuro però restano perché il pay-to-play alla lunga potrebbe non dare più i suoi frutti.

Il nuovo algoritmo di Facebook. Per farsi vedere bisogna pagare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 5