Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Osservatori Digital Innovation

Mobile Proximity Payment: le direzioni di lavoro per l’ecosistema italiano

Il Mobile Proximity Payment nel 2017: tra i 4,5 e gli 8,9 milioni di utenti previsti

04 Giu 2014

Per scaricare il rapporto clicca qui

Il 2013 ha mostrato come il fenomeno Mobile Payment & Commerce sia ancora, in Italia, decisamente sfaccettato: accanto all’ecosistema NFC SIM based, nato nell’ottobre 2012 con l’accordo tra telco per la nascita della prima piattaforma (gestita da SIA), restano numerosi altri attori che, quale riflesso della loro appartenenza a gruppi internazionali o per continuità rispetto alla loro strategia competitiva, continuano a credere in un approccio meno vincolato a una specifica tecnologia e più guidato dalla domanda di servizi. Le priorità d’azione sono differenti per questi player: quella parte che ha scommesso sulla soluzione NFC SIM based deve accelerare sul pagamento, creando attorno ad esso una base utenti che valorizzi gli attori locali (italiani ed europei) e gli investimenti già fatti da molti di loro (esercenti e acquirer in primis); i servizi di Mobile Commerce verranno di conseguenza. L’altra parte dell’ecosistema dovrà puntare sui propri asset distintivi (rapidità, capacità di innovazione e di servizio), ma dovrà prestare attenzione al tasso di frammentazione, che andrà a scapito dei soggetti più piccoli o di coloro che non abbiano saputo trovarsi una nicchia di mercato ben difendibile. Per l’ecosistema NFC SIM based l’ulteriore anno di lavoro dietro le quinte sembra non aver leso le prospettive a medio termine del mercato e, pur nell’incertezza della risposta del consumatore, i ricavi del servizio restano adeguati a sostenere gli investimenti necessari. Si stima infatti che gli utenti Mobile Proximity Payment nel 2017 saranno tra i 4,5 e gli 8,9 milioni e che il transato addizionale ammonterà tra i 5,1 e i 12,2 milioni di euro. Per aumentare l’interesse da parte degli utenti, si dimostrano però fondamentali una buona comunicazione e una progettazione integrata dei servizi di Payment e di Commerce all’interno dei Mobile Wallet.

Il Rapporto dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano, presenta il percorso che sta seguendo l’ecosistema italiano per lo sviluppo del Mobile Proximity Payment partendo da un confronto con il resto del mondo. Il Rapporto si focalizza in particolare sull’ecosistema NFC SIM based stimando il numero di utenti e le revenues generate dall’ecosistema per i prossimi 3 anni. Viene inoltre analizzato come cambierebbero le stime a fronte di una corretta informazione dei consumatori e dell’integrazione dei servizi a valore aggiunto (in particolare il Mobile Couponing).

Per scaricare il rapporto clicca qui

Mobile Proximity Payment: le direzioni di lavoro per l’ecosistema italiano

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 5