Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OSSERVATORI DIGITAL INNOVATION

Internet of Things: aspetti legali

Lo sviluppo di soluzioni che fanno leva sul paradigma dell’Internet Of Things e i problemi di conformità alle normative vigenti: come tutelare gli interessati e prevenire abusi

23 Feb 2016

Lo sviluppo di soluzioni che fanno leva sul paradigma dell’Internet Of Things pone dei problemi di conformità alle normative vigenti, con particolare riferimento alla protezione dei dati personali, che devono essere tenuti in considerazione sin dalla fase progettazione. La rilevanza dell’argomento ha spinto il Garante per la protezione dei dati personali ad avviare – nell’aprile del 2015 – una consultazione pubblica con l’obiettivo di raccogliere dagli operatori le informazioni necessarie a definire una regolamentazione idonea a tutelare efficacemente gli interessati e prevenire abusi, senza tuttavia vincolare eccessivamente lo sviluppo del mercato.

Il Workshop, che si terrà dalle 10.00 alle 13.00, si pone l’obiettivo di analizzare le principali questioni giuridiche poste dall’Internet of Things, tra cui:

  • le attività di profilazione degli utenti;
  • la geolocalizzazione;
  • le modalità di acquisizione del consenso al trattamento dei dati;
  • le misure di sicurezza.

Gli argomenti di cui sopra saranno analizzati anche con riferimento ai contenuti della recente versione del Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati, che potrebbe essere approvato nei prossimi mesi e che introduce nuovi principi e adempimenti (es. Privacy and data protection by design, comunicazione di data breach, Privacy Impact Assessment, diritto all’oblio).

Il Workshop si rivolge a esponenti di imprese nonché a professionisti che si occupano di progetti legati all’Internet of Things e sono interessati ad approfondire i principali impatti delle vigenti normative e di quelle in corso di approvazione.

Il Workshop sarà tenuto da:

Gabriele Faggioli è Adjunct Professor del MIP – Politecnico di Milano. È membro del Group of Experts in cloud computing contract della Commissione Europea. È Presidente del CLUSIT (Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica) e partner di P4I – Partners4Innovation. È specializzato in contrattualistica informatica e telematica, in information & telecommunication law, nel diritto della proprietà intellettuale e industriale e negli aspetti legali della sicurezza informatica, in progetti inerenti l’applicazione delle normative relative alla responsabilità amministrativa degli enti e nel diritto dell’editoria e del marketing.

Alessio L.R. Pennasilico
Security Evangelist, è membro del comitato tecnico scientifico di Clusit e del Direttivo nazionale di Associazione Informatici Professionisti. E’ specializzato nel supportare le organizzazioni ad individuare i rischi e strutturare un piano di prevenzione e gestione degli incidenti di sicurezza.

Andrea Reghelin è un legale, associate partner di P4I – Partners4Innovation. Specializzato in organizzazione d’impresa e tecnologie dell’informazione, svolge dal 2004 l’attività di consulente direzionale nei settori del diritto dell’informatica e della responsabilità amministrativa degli enti dipendente da reato. Nel primo ambito, ha acquisito notevole esperienza nel supporto alle imprese e pubbliche amministrazioni su tematiche legali connesse alla gestione dei sistemi informativi (contratti informatici, gestione degli adempimenti privacy, data retention, sicurezza informatica, investigazioni informatiche, firme elettroniche e dematerializzazione, ecc.). Nel secondo ambito coadiuva le organizzazioni (dalle PMI ai gruppi societari) nella creazione dei protocolli per la prevenzione degli illeciti amministrativi e penali (white collar crimes) anche nell’ambito di progetti di adeguamento al d.lgs. 231/2001 in materia di responsabilità amministrativa degli enti dipendente da reato. Nelle materie di competenza partecipa come docente a convegni, seminari e ed è autore di numerosi articoli su riviste specializzate.

Per maggiori informazioni e per iscriversi, cliccare qui.

Articolo 1 di 4