Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OSSERVATORI DIGITAL INNOVATION

Come monitorare e misurare i benefici dello Smart Working?

I punti di partenza per attivare un progetto di Smart Working nelle organizzazioni

06 Lug 2015

I punti di partenza per attivare un progetto di Smart Working nelle organizzazioni, pubbliche o private, possono essere diversi; emerge però come l’implementazione di questi progetti abbia spesso impatti positivi su molteplici aspetti, anche molto diversi da quelli per i quali si è partiti. Partendo dalla descrizione del framework di riferimento dello Smart Working, il Webinar, in streaming online su Osservatori.net l’8 Luglio dalle ore 12.00, si pone l’obiettivo di illustrare le leve di progettazione e i principi organizzativi che concorrono al conseguimento dei benefici di questa nuova filosofia manageriale. In particolare saranno approfonditi i principali vantaggi ottenibili dal punto di vista dell’azienda, delle persone e dell’ambiente specificandone le caratteristiche e le modalità di raccolta delle informazioni. Infine verranno presentati i risultati della ricerca dell’Osservatorio Smart Working in riferimento ai benefici complessivi calcolati per il nostro Paese.

Il Webinar si rivolge Responsabili dei Sistemi Informativi (CIO), Responsabili delle Risorse Umane e Facility Manager di aziende e pubbliche amministrazioni. In generale, a tutti coloro a cui interessa comprendere ed iniziare ad applicare il modello dello Smart Working.

Il Webinar sarà tenuto da Fiorella Crespi, ricercatrice alla School of Management del Politecnico di Milano dove è Responsabile della Ricerca dell’Osservatorio Smart Working, in passato si è occupata delle tematiche relative alla Unified Communication & Collaboration, Enterprise 2.0 e delle Intranet con un particolare focus sulle banche italiane.

Per maggiori informazioni e per iscriversi, cliccare qui.

Articolo 1 di 4