GUIDE E HOW-TO

Moda sostenibile, la tecnologia porta i brand del fashion nella transizione verde

C’è anche la tecnologia nella trasformazione dell’industria della moda verso paradigmi di riuso, riciclo e attenzione all’ambiente e alle persone. Il sustainable fashion dà così il suo contributo all’innovazione industriale, spesso a partire dalle startup che “contaminano” i brand consolidati. Dagli obiettivi Onu 2030 alle iniziative delle imprese italiane, ecco una panoramica su materiali, soluzioni, vision e protagonisti della moda ecosostenibile

17 Mar 2022

Patrizia Licata

La moda diventa sostenibile: in questi anni in cui si è fortemente sviluppata l’attenzione all’impatto ambientale e alla responsabilità sociale delle attività industriali, la moda sostenibile o sustainable fashion cerca di contribuire a ridurre la sua impronta sul pianeta e le persone, in particolare con le scelte d’acquisto di materiali e i processi produttivi. Il contrasto allo sfruttamento di acqua e terreno per la produzione delle materie prime e dei capi finiti, la lotta allo spreco dei tessuti e degli articoli dismessi, insieme alla straordinaria opportunità della moda circolare, sono parte delle nuove strade intraprese dall’industria del fashion per alzare i rating ESG (Environmental Social Governance) e farsi trovare pronta all’appuntamento dell’Agenda Onu 2030 sullo sviluppo sostenibile. In questo percorso un ruolo rilevante assumono gli imprenditori e i creativi più attenti agli impatti ambientali e sociali e le startup che sviluppano tecnologie per una moda sostenibile e circolare.

Secondo le stime dell’Onu l’industria globale della moda – che vale 2,4 trilioni di dollari e impiega circa 300 milioni di persone su tutta la catena del valore – è responsabile del 2-8% delle emissioni globali di gas serra e di circa il 9% della dispersione di microplastiche nei mari. Ogni anno consuma 215 trilioni di litri d’acqua e spreca 100 miliardi di dollari in materiali sottoutilizzati. Il fashion può insomma fare molto per sostenere i Development sustainable goals (SDGs) delle Nazioni Unite per il 2030.

Che cos’è la moda sostenibile

La moda sostenibile rispetta l’ambiente e la società in tutte le sue fasi: concezione, produzione, distribuzione, vendita e smaltimento. Il sustainable fashion cerca di lavorare con materie prime meno inquinanti; per esempio, ricorrendo a più fibre sintetiche o riciclate e meno a materie come cotone coltivato in modo tradizionale (con grande consumo di acqua e energia) o lana ottenuta con allevamenti intensivi (che comportano deforestazione e inaridimento dei terreni). La moda sostenibile stimola anche il consumo consapevole: no agli acquisti usa-e-getta, sì agli acquisti di meno capi più costosi (perché di qualità superiore) che si tengono più a lungo.

WHITEPAPER
Clienti soddisfatti e fidelizzati? Ecco come fare un e-commerce di successo!
Big Data
Marketing

Questo modello propone una produzione più umana, senza sfruttamento dei lavoratori e con una remunerazione più equa.

Caratteristiche e materiali della moda ecosostenibile

Con una definizione più ampia, la moda ecosostenibile si inscrive in un modello di società caratterizzata dall’attenzione all’ambiente, alle comunità, al benessere delle persone e alle culture locali. Il tutto viene coniugato con lo sviluppo tecnologico e l’innovazione capace di generare modelli ancora più responsabili per il pianeta e le persone. Per esempio la moda ecosostenibile sostiene l’attività lavorativa femminile, la crescita professionale degli addetti, l’istruzione dei bambini o specifiche azioni di protezione dell’ecosistema, come fa il brand inglese People Tree che basa i suoi capi su materiali eco-friendly e responsabili.

Parte integrante della moda sostenibile sono le fibre tessili ecologiche. Si tratta di fibre naturali come la canapa, una pianta spontanea la cui filiera produzione, dall’estrazione alla filatura fino all’intreccio del tessuto, non richiede l’utilizzo di sostanze nocive per l’ambiente. Simili nella sostenibilità sono il lino e la juta. Al contrario, il cotone ha un enorme impatto ambientale; per questo ora esistono coltivazioni di cotone bio, ugualmente delicate ma a impatto ridotto. C’è anche il cotone riciclato, estratto dai rifiuti di cotone raccolti pre- e post- consumo, per una moda circolare.

Tra le fibre artificiali ecocompatibili ci sono bamboo, lyocell certificato Tencel, modal certificato Tencel, e orange fiber, una fibra derivata da scarti di arance e in cui sono attive alcune aziende siciliane che utilizzano le scorze degli agrumi locali. Ci sono infine le fibre sintetiche, ottenute dal riciclo della plastica, come New life, o delle reti da pesca e dei tappeti, come Econyl.

La moda e l’Agenda 2030: focus sull’innovazione industriale

Lotta alla povertà, diritto alla salute, acqua pulita, uguaglianza di genere, equità nelle condizioni di lavoro, innovazione industriale, riciclo della plastica, protezione delle foreste e degli oceani, tutela dell’ambiente, riduzione delle emissioni inquinanti e contrasto al cambiamento climatico: la moda sostenibile si candida a sostenere praticamente tutti i Development Sustainable Goals (SDGs) delle Nazioni Unite al 2030.

L’Onu ha anche avviato un’iniziativa chiamata United Nations Alliance for Sustainable Fashion per contribuire agli SDGs tramite un’azione coordinata delle agenzie delle Nazioni Uniti che lavorano nella moda e la promozione di progetti e codici di condotta che assicurano che la catena del valore della moda dia il suo contributo al raggiungimento dei target di sviluppo sostenibile. L’alleanza agisce su tutta la supply chain, dalla materia prima alla manifattura di abbigliamento, calzature e accessori fino al consumo e allo smaltimento.

Moda sostenibile, la situazione in Italia e il ruolo del biotech

Oggi l’industria dell’abbigliamento utilizza in maniera preponderante materiali petrolchimici come poliestere, nylon e altre fibre sintetiche, che costituiscono più del 60% di tutte le fibre utilizzate ogni anno. La richiesta di poliestere è raddoppiata negli ultimi 15 anni e ha superato di gran lunga il cotone come materiale tessile più prodotto. Il cotone è la seconda fibra più utilizzata, nonostante le peculiarità produttive lo rendano poco sostenibile. È quanto ha osservato ASviS in audizione presso il Senato della Repubblica sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). L’intervento, redatto insieme alla Siena Advanced School on Sustainable Development, sottolinea come la produzione di filati e tessuti a partire da scarti organici presenti in Italia possa costituire una soluzione efficace per creare filiere innovative, creando materiali di alto valore completamente Made In Italy in ogni fase della produzione, secondo una logica di bioeconomia circolare. Quest’ultima si basa sull’utilizzo di risorse biologiche combinando il settore agricolo e forestale con le biotecnologie per la produzione di energia e materiali.

I residui vegetali derivanti da colture alimentari, che normalmente vengono lasciati marcire o bruciati, rappresentano una risorsa preziosa da trasformare in nuovi materiali. A livello nazionale esistono diverse startup innovative dedicate a questo tema, tra cui Orange Fiber, che utilizza scarti dell’industria agrumicola per la produzione di filati e tessuti simili alla seta; Frumat e Vegea, che realizzano prodotti in similpelle a partire rispettivamente da bucce di mela e bucce e semi di scarto dell’uva; Duedilatte, in grado di creare tessuti a partire dai derivati della caseina estratta dal latte, riso e scarti di caffè.

Tra le azioni raccomandate l’ASviS suggerisce di dare impulso alle attività di progettazione per il riciclo: molti prodotti non possono essere attualmente riparati a causa del modo in cui sono stati progettati. Potrebbe anche essere inserita una disposizione sull’obbligo di riutilizzo e mappatura delle giacenze di produzione (il cosiddetto deadstock). Attualmente, si stima che nei magazzini di tutto il mondo giacciano tessuti inutilizzati per un valore che supera i 120 miliardi di dollari. Molto spesso finiscono per essere bruciati o distrutti.

L’associazione raccomanda anche l’erogazione di incentivi per start-up ed imprese che fanno di upcycling (riuso creativo) e restyling il proprio modello di business, utilizzando deadstock o capi giunti al termine del ciclo di vita come materia prima per la manifattura di prodotti. Da notare che anche le grucce hanno un impatto notevole: l’85% finisce in discarica.

Perché è importante la sostenibilità nella moda

«Si stima che per produrre una T-shirt in cotone siano necessari 2.700 litri d’acqua, e magari è una maglietta che usiamo per poche volte e poi buttiamo. Consumiamo 26 kg di capi l’anno di cui 11 kg devono essere smaltiti e solo l’1% riesce ad essere riconvertita in nuovi capi, il resto finisce nelle discariche. Anche questo è il mondo della moda. Ma si può cambiare. Io ho pensato di investire risorse per la tecnologia e l’innovazione capaci di rendere la moda più sostenibile e responsabile. Anche i regolatori e un numero crescente di aziende della moda stanno andando in questa direzione: la consapevolezza del fashion sul suo impatto ambientale sta crescendo. Quello che si cerca di fare è realizzare capi che fin dall’inizio siano concepiti in modo tale che ogni elemento sia reintegrabile nel ciclo produttivo. Insomma, una moda circolare». Lo ha dichiarato la Fashion Tech Investment Expert Giusy Cannone, CEO di Fashion Technology Accelerator e Venture partner di TFL Ventures, in un recente TedX. A noi di Digital4Executive Giusy Cannone ha ribadito come la tecnologia sia «estremamente rilevante nei materiali, con alcune soluzioni già sul mercato e altre in fase di ricerca. Noi, con Fashion Technology Accelerator e TFL Ventures, selezioniamo startup che sviluppano tecnologie innovative legate alla sostenibilità. In portafoglio abbiamo brand sostenibili come SEAY, che produce beachwear da tessuti sostenibili (poliestere e nylon riciclato) e incoraggia la restituzione dei capi utilizzati in ottica di riuso e circolarità. Oppure ARTKNIT, maglieria artigianale che punta su materia prima riciclata e capi seasonless, contro la moda usa-e-getta».

Giusy Cannone

Fashion Tech Investment Expert e CEO di Fashion Technology Accelerator e Venture partner di TFL Ventures

In Italia negli ultimi anni sono nati diversi brand sostenibili come (solo per citarne alcuni in un settore in crescita) Rifò, focalizzato su fibre tessili riciclate e riciclabili per una moda 100% italiana, basata sul distretto tessile di Prato (Firenze) e sul concetto del riuso; e Souldaze, marchio romano che usa fibre naturali, riciclate, vintage o del deadstock e si fonda sul concetto di moda etica e “slow”. Ovvero, con fornitori verificati, materia prima a basso impatto e prezzo medio-alto per capi di design che si portano per anni, non per una stagione.

Giusy Cannone ci ha anche detto che l’azienda sostenibile è un’azienda che ha una “visione a 360 gradi di quello che è il suo impatto su ambiente e società”, cioè non si identifica con una singola soluzione o un comportamento, ma adotta un approccio multi-stakeholder, ha un piano strategico attuativo complessivo e olistico. Per questo i brand nuovi, partiti da zero, sono facilitati nell’essere totalmente sostenibili, a partire dalla cultura e dalla visione dell’imprenditore e dei suoi manager e staff per arrivare all’adozione capillare di nuove tecnologie nei processi produttivi, nei materiali e anche nelle operazioni di smaltimento e riciclo. Tra le aziende consolidate è più difficile trovare nomi associabili a una sostenibilità al 100 per cento, ma alcune sono molto avanzate, come Patagonia o Salvatore Ferragamo. Rispetto alle PMI, i big sono facilitati perché hanno le risorse da investire nel processo di trasformazione digitale e green. «Ma la consapevolezza è sempre più diffusa nell’industria della moda e sono sempre più numerose le grandi aziende che stanno imponendo ai fornitori di essere più innovativi», afferma Giusy Cannone. La supply chain della moda è infatti polverizzata e i brand possono perdere di vista la sostenibilità dei loro fornitori se ciò che conta è solo il prezzo.

Altro tema legato alla moda sostenibile è quello del riciclo dei rifiuti tessili e anche qui la tecnologia gioca un ruolo fondamentale nel permettere il riuso di capi e materiali inutilizzati. L’Ue dal 1 gennaio 2025 impone di smaltire i tessuti nella raccolta differenziata e l’Italia ha deciso di anticipare di tre anni: la legge europea da noi è dunque in vigore dal 1 gennaio 2022. Servono adesso le linee guida per i consumatori e per i brand per capire il loro ruolo nel riciclo: abbigliamento e tessuti non si possono più incenerire. Oggi è molto difficile riciclare i capi perché molti hanno una composizione mista di fibre e non esiste una tecnologia economica o sostenibile per separare le fibre, perché sono coinvolti processi chimici inquinanti. Anche qui molte startup si son attivate per soluzioni eco-compatibili, ma sarebbe importante progettare i capi in modo che siano riciclabili by design.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Patrizia Licata

Laureata in Letteratura italiana, giornalista professionista, scrittrice. Da sempre sui temi della tecnologia e dell’innovazione, con le notizie e gli scenari Italiani e internazionali.

Articolo 1 di 4