Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

GORI (Gestione Ottimale Risorse Idriche)

GORI (Gestione Ottimale Risorse Idriche)

Integrazione e dematerializzazione dei processi per migliorare il servizio al cliente

01 Giu 2009

GORI (Gestione Ottimale Risorse Idriche) gestisce il Servizio
Idrico Integrato (captazione, adduzione e distribuzione agli
utenti della risorsa idrica, collettamento e raccolta delle acque
reflue, depurazione) nell’Ambito Territoriale Ottimale (ATO)
n°3 Campania, che con circa 1.500.000 abitanti e 460 mila
utenze, costituisce uno dei maggiori ambiti territoriali
d’Italia. GORI ha avviato la propria attività
nell’ottobre del 2002 in seguito all’attuazione della
Legge 36/94, nota come “Legge Galli”, che prevede
l’affidamento del servizio idrico integrato ad un unico
gestore in ciascun Ambito Territoriale Ottimale. Il programma ha
previsto una graduale acquisizione delle società speciali e
degli enti comunali precedenti gestori delle acque nell’ATO
3.

Il processo di aggregazione ha richiesto di uniformare processi
che precedentemente venivano svolti con modalità e sistemi
informativi differenti dalla diverse realtà; il progetto di
riorganizzazione è partito dalla gestione documentale, per poi
allargarsi ad altre fasi e processi.

Il progetto, sviluppato con il supporto di un service provider
(Gruppo Nemea) specializzato nei servizi alle utility, è partito
per la forte spinta dal top management che ha sentito come
necessario e prioritario il fornire un migliore servizio al
cliente sia interno che esterno. Il sistema è operativo dal
giugno 2007, e si stanno sviluppando nuovi progetti per aumentare
l’integrazione e la dematerializzazione dei processi.

Per quanto riguarda il ciclo attivo di fatturazione GORI sta, ad
esempio, predisponendosi a conservare in modalità sostitutiva le
distinte meccanografiche e le cosiddette fatture accessorie,
emesse in seguito a nuovi allacciamenti. Per quanto riguarda il
ciclo passivo, GORI acquisisce tutte le fatture passive che le
pervengono in formato cartaceo, le indicizza e le inserisce nel
proprio sistema di gestione documentale per seguire il workflow
di approvazione. L’azienda è perciò predisposta alla
conservazione sostitutiva delle fatture passive, prevista come
uno dei prossimi passi del progetto. A livello di progetti di
integrazione con i propri fornitori, GORI riceve inoltre dalle
altre utility dell’energia e telecomunicazioni fatture in
formato strutturato.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

U
utility

Articolo 1 di 5