mobile4innovation corrierecomunicazioni
accedi
facebook twitter youtube linkedin rss iscriviti newsletter
dots White Paper dots Eventi dots Video
Digital4SupplyChain

Esselunga, la trasformazione strategica della supply chain passa dal Warehouse Management

«Uno dei più importanti progetti negli ultimi 40 anni sulla supply chain»: la catena di GDO sta sostituendo i suoi sistemi tradizionali di gestione logistica. Nell’ambito del piano i 3 centri di distribuzione sono stati connessi con le soluzioni WMS, Labour Management e Slotting Optimisation di Manhattan Associates

di redazione

Digital Logistics

03 Ottobre 2017

Nell’ambito di un piano di trasformazione strategica della propria supply chain, con l’obiettivo di ottimizzare il livello di servizio offerto attraverso la sua rete di oltre 150 supermercati, Esselunga ha adottato le soluzioni Warehouse Management (WMS), Labour Management e Slotting Optimisation della statunitense Manhattan Associates, specialista appunto di software di supply chain management. Lo annuncia un comunicato stampa della stessa Manhattan Associates.

Fondata esattamente 60 anni fa a Milano, Esselunga oggi è un gruppo da 7,5 miliardi di euro di fatturato e circa 23.000 dipendenti, e come spiega il comunicato dispone di una vastissima gamma di prodotti comprensiva di migliaia di prodotti in stock, e centinaia di marchi “private label”. Partendo da tre centri di distribuzione (il quarto è in costruzione a Ospitaletto, presso Brescia), la merce viene trasportata verso i punti vendita in 7 regioni: Lombardia, Toscana, Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto, Liguria e Lazio. Qualità, freschezza dei prodotti e prezzi accessibili incarnano la filosofia del marchio Esselunga, che da sempre crede nell’ottimizzazione dei processi back-end della catena di distribuzione, per garantirne il rispetto dei valori e una perfetta sincronizzazione con le operazioni dei punti vendita e con i sistemi front-end, destinati ai consumatori diretti.

In questo scenario, continua il comunicato, Esselunga ha deciso di sostituire i propri sistemi tradizionali con una soluzione di advanced supply chain, in grado di gestire esigenze aziendali sempre più complesse, come la costante crescita di referenze per articolo, gli enormi flussi di prodotti e la necessità di garantire un rifornimento rapido e preciso a tutti i punti vendita.

I centri di distribuzione Esselunga sono stati interconnessi appunto tramite le soluzioni Warehouse Management (WMS), Labour Management e Slotting Optimisation di Manhattan Associates, per rispondere alle più complesse richieste di picking, migliorare i livelli di accuratezza e apportare un generale potenziamento delle operazioni di logistica e distribuzione. Sfruttando le funzioni di fulfillment “wave management” (ottimizzazione dei raggruppamenti di attività per massimizzare la produttività degli addetti di magazzino), selezione constraint-based e riassortimento dei prodotti in tempo reale delle soluzioni Manhattan Associates, spiega il comunicato, Esselunga potrà accelerare i flussi dei prodotti, facendoli arrivare più velocemente e in modo puntuale sugli scaffali dei punti vendita.

Secondo il comunicato, Esselunga considera questa collaborazione come uno dei più importanti progetti condotti negli ultimi quarant’anni sulla supply chain. Nelle aspettative, il nuovo sistema porterà un’evoluzione delle operazioni di distribuzione al dettaglio in termini di velocità di immissione sul mercato, flessibilità del servizio e profittabilità del business. Esselunga potrà ottimizzare la gestione degli ordini e migliorare la disponibilità dei prodotti, accrescendo di conseguenza la fedeltà dei clienti, il fatturato e i margini.


TAG: Esselunga, logistica, supply chain management, Warehouse Management, replenishment, customer satisfaction, Manhattan Associates


iscriviti alla newsletter
iscriviti newsletter