mobile4innovation corrierecomunicazioni
accedi
facebook twitter youtube linkedin rss iscriviti newsletter
dots White Paper dots Eventi dots Video
Digital4PMI

PMI italiane, ecco le "priorità digitali": Business Intelligence, eCommerce, alleanze con le startup

Sale soprattutto nelle medie imprese la convinzione che la Digital Transformation non è solo tecnologia ma richiede anche una nuova cultura di collaborazione e innovazione. I benefici più attesi sono aumenti di produttività e riduzioni di costi. Un'indagine di TAG Innovation School, Cisco Italia e Intesa Sanpaolo su oltre 500 realtà con fatturato fino a 50 milioni

di Nicoletta Boldrini

Digital Transformation

24 Maggio 2017

Parlare di Digital Transformation solo in termini di tecnologie è sbagliato, e questa consapevolezza è diffusa anche tra le piccole e medie imprese (PMI) italiane che, oggetto di una recente indagine di TAG Innovation School - la scuola del digitale di Talent Garden - con Cisco Italia e Intesa Sanpaolo, hanno messo al primo posto la cultura aziendale collaborativa come fattore che determinerà la loro capacità innovativa (se non addirittura la loro forza competitiva e sopravvivenza).

L’indagine, che ha coinvolto oltre 500 realtà imprenditoriali italiane con fatturato fino a 50 milioni di euro, mostra un quadro generale di maturità delle PMI, ormai consapevoli delle sfide che devono affrontare ma ancora troppo spesso ferme al bivio in attesa di capire come procedere. Se, come accennato, il 65% sa di dover intervenire sulla cultura aziendale orientandola verso approcci più collaborativi e di open innovation, il 61% degli intervistati vede nell’implementazione di strategie digitali (intese come la capacità di aprire - in tutto o in parte - il proprio business a opportunità mai esplorate prima) la sfida primaria e più ardua da affrontare. L’introduzione delle tecnologie abilitanti sembra preoccupare meno gli imprenditori anche se ben il 35% la affronta ancora come una sfida critica.

Riduzione dei costi e aumento della produttività i più forti impatti percepiti

Le aziende interpellate da TAG stimano che l’innovazione e la trasformazione digitale impatterà maggiormente sulla riduzione dei costi e l’aumento della produttività. Entrando nel dettaglio dei risultati emersi, 4 aziende su 5 ritengono che l’impatto di soluzioni innovative incida in maniera molto importante o addirittura fondamentale sul taglio dei costi mentre un altro 74% è convinto di poter ottenere significativi aumenti di produttività derivanti, ad esempio, da automazione e servizi in cloud

Al di là dei numeri, ciò che appare evidente da questi dati è che tra le PMI italiane vi è oggi una discreta consapevolezza di come la digitalizzazione dei processi possa incidere direttamente su efficienza ed efficacia della gestione aziendale. In realtà, analizzando a fondo i dati, la riflessione risulta valida solamente per le medie imprese mentre sembra ancora in salita il percorso delle imprese più piccole. Il 76% degli amministratori delegati intervistati dimostra una forte sensibilità rispetto alla necessità di essere aggiornati sui temi dell’innovazione digitale ma tale caratteristica/esigenza si attenua parecchio quando a parlare sono gli imprenditori che guidano aziende con fatturato sotto i 10 milioni: un'altra conferma della minor propensione da parte delle imprese più piccole a comprendere ed esplorare le possibilità offerte dall’innovazione digitale.

Priorità: Business Intelligence, Big data, alleanze con le startup

Nonostante le difficoltà nel trovare la propria strada e nel capire come esattamente iniziare un percorso di trasformazione digitale, quasi la metà delle PMI intervistate (il 48%) dichiara di essere attualmente impegnata nell’analisi e studio di nuove strategie di business legate al digitale. Cosa concretamente significhino tali “intenzioni” lo spiegano i numeri: il 42% delle PMI intervistate sta implementando sistemi decisionali basati su analisi di business intelligence (studio della concorrenza, analisi di mercato, ecc.) mentre un altro 21% cerca di sfruttare in modo più efficace i Big Data. A conferma di tale impegno anche le intenzioni di investimento delle PMI nell’arco dei prossimi tre anni: le partnership con le startup e le strategie basate sui Big Data giocano il ruolo più importante dato che entrambi sono obiettivi condivisi dal 39% delle PMI intervistate.

Spicca anche l'interesse verso i canali di vendita digitali: il 37% dichiara che i prossimi investimenti andranno sull’eCommerce. Scarso invece l'orientamento verso temi che sono in realtà molto dibattuti tra le imprese più grandi: cybersecurity, sharing economy e realtà aumentata/virtuale sono qui rilevanti solo per un quinto del campione analizzato, ovvero rispettivamente 21%, 20% e 19%.


TAG: piccole medie imprese, TAG Innovation School, business intelligence, Big Data, startup, open innovation


iscriviti alla newsletter
iscriviti newsletter