Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Lavoro agile

Barilla, Smart Working per tutto il personale entro il 2020

Circa 1.200 dipendenti hanno aderito al progetto partito tre anni fa, che punta a coinvolgere tutti lavoratori, al netto delle linee produttive. Fino ad ora ad apprezzare la possibilità di lavorare in modo agile sono in particolare le donne tra i 30 e i 55 anni e chi effettua un tragitto tra casa e ufficio maggiore di 25 chilometri

04 Mar 2016

Redazione

Barilla ha recentemente reso noti i primi risultati dell’iniziativa di Smart Working avviata nel 2013, che Digital4Executive aveva raccontato un anno fa attraverso un’intervista esclusiva ad Alessandra Stasi, Responsabile Organization & People Development.

L’obiettivo del progetto è dare ai dipendenti la possibilità di lavorare in modo flessibile, ovunque e in qualunque momento, grazie a nuovi strumenti digitali di comunicazione e nuove metodologie. Per questo l’azienda emiliana – che impiega nel mondo circa 8mila persone, con un fatturato superiore a 3 miliardi di euro e 29 siti produttivi – ha esteso il progetto di Smart Working a tutte le proprie sedi, nazionali e internazionali. La risposta dei dipendenti è stata eccellente: a usufruire dell’opportunità sono stati, infatti, circa 1.200 dipendenti dei 1.600 coinvolti nel progetto, con una redemption di oltre il 74%.

Sebbene lo Smart Working in Barilla sia aperto a tutta la popolazione – da un punto di vista contrattuale, i dipendenti possono lavorare in sedi diverse dall’ufficio per 4 giorni al mese, accordandosi con il proprio manager -, ad apprezzarlo particolarmente sono le donne tra i 30 e i 55 anni e chi effettua un tragitto tra casa e ufficio maggiore di 25 chilometri, con un significativo risparmio di tempo e costi, ma anche una riduzione di emissioni di CO2. Stupisce invece il fatto che a sfruttare meno la possibilità di lavorare in modo più flessibile sia la fascia più giovane della popolazione aziendale.

In generale, quindi, il bilancio dell’iniziativa è estremamente positivo: un maggiore equilibrio tra vita privata e lavoro ha reso più soddisfatti i dipendenti, grazie alla maggiore autonomia e responsabilità su quando, dove e come lavorare. E Barilla è un chiaro esempio di come i progetti di Smart Working si stiano diffondendo tra le grandi aziende: secondo l’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, infatti, in Italia il nuovo approccio all’organizzazione del lavoro è stato introdotto da quasi un’impresa di grandi dimensioni su due in modo strutturato o informale.

Secondo il Responsabile Scientifico dell’Osservatorio, Mariano Corso: «Per fare bene Smart Working le organizzazioni devono evitare l’errore di introdurre un cambiamento solo superficiale, senza cogliere l’opportunità di ripensare profondamente cultura e modelli organizzativi per liberare nuove energie dalle persone. Bisogna allontanare le false partenze». E quella di Barilla di sicuro non è una falsa partenza perchè, oltre alla risposta positiva dei dipendenti, da un’inchiesta globale effettuata, proprio con il supporto dell’Osservatorio Smart Working, su un campione di 600 persone coinvolte nel progetto è emerso che per i manager non c’è stato assolutamente un peggioramento nei livelli di produttività ed efficacia/efficienza delle prestazioni.

Adesso l’obiettivo di Barilla è dare entro il 2020 a tutti i dipendenti del gruppo l’opportunità di lavorare da casa, per questo le prossime sfide saranno sensibilizzare maggiormente l’intera popolazione e riuscire a offrire lo Smart Working per il 100% del tempo.

Articolo 1 di 5