Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

HR Tech

Piattaforme HR: i vantaggi per le PMI secondo Forrester

Quali sono gli elementi essenziali per una gestione ottimizzata delle Risorse Umane nell’era digitale? Quali le sfide che le aziende di medie dimensioni devono affrontare su questo fronte? Uno studio affronta il cambiamento portato dalle nuove soluzioni tecnologiche, evidenziando come una gestione centralizzata delle informazioni su piattaforme HR in cloud porta benefici organizzativi e di business

13 Giu 2019

Redazione

Le piattaforme HR oggi sono un importante alleato per la Direzione risorse umane. Il dato genera valore quando è univoco e integrato, altrimenti può creare inefficienze e rallentamenti. Lo dimostra Forrester Consulting nell’indagine “Total Economic Impact” sulla gestione delle risorse umane nelle medie aziende con 1.200 dipendenti. Il salto dalla compresenza di fonti e sistemi eterogenei a una gestione centralizzata delle informazioni su piattaforme hr in cloud porta benefici organizzativi e di business. I manager possono avere sempre sott’occhio storia, performance e potenzialità dei propri dipendenti. Possono decidere di valorizzarli per rispondere a bisogni di mobilità interna, o di farli crescere e ingaggiare con progetti di formazione, di collaborazione e con determinate politiche retributive. Disporre in tempo reale di una unica fonte di informazioni affidabili aumenta efficienza e produttività dell’ufficio del personale, con riflessi sul rendimento stesso della forza lavoro, è questa la forza dell’HR Tech. Si stima che in tre anni il Roi (Return on investment) sia potenzialmente del 68% con 1,7 milioni di euro circa di rendimento rispetto al milione di euro di costi, con conseguente valore annuale netto di 687mila euro e un recupero dell’investimento in 18 mesi.

Sfide e difficoltà senza una piattaforma integrata HCM

Ma quali sono oggi le sfide che devono affrontare le aziende che non hanno un sopporto tecnologico?

  1. Per le funzioni Hr non coperte da personale, nella media azienda servono più dipendenti senior, più esperti ma più costosi, per completare tutte le operazioni necessarie.
  2. Sistemi diversi e/o fogli di calcolo separati rendono il dato frammentato.
  3. I processi manuali e cartacei riducono l’efficienza e la produttività.
  4. Difficoltà di adeguamento alle normative, come il Gdpr.
  5. Difficoltà nell’attività di selezione del personale, formazione e sviluppo.
  6. La non trasparenza sui ruoli vacanti in azienda rallenta i processi di selezione interna ed esterna.
  7. Più rischio di errore umano nella trascrizione manuale dei dati.
  8. Processi di selezione più costosi per processi inefficienti e sistemi disparati.

Risultati chiave con piattaforma HCM

Le piattaforme HR permettono di:

  1. Processi HR standardizzati con una sola fonte di dati affidabili che consentono l’allineamento e l’esecuzione della strategia.
  2. Sostituzione di sistemi disparati di gestione dei benefit.
  3. Accesso ai dati in tempo reale, permettendo ai capi di gestire team dislocati in sedi diverse e migliorare comunicazione e collaborazione.
  4. Gestione self-service dei propri dati e benefit.
  5. Processi automatizzati che, prima svolti a mano, liberano energie per lavori a maggior valore aggiunto.

Secondo i calcoli di Forrester l’adozione della suite Sap SuccessFactors Hcm porterebbe in tre anni rendimenti positivi, per ciascuna delle aree presidiate dalla piattaforma HCM: employee eentral e payroll; recruiting e onboarding; performance, goal e compensation; learning, succession and development.

In particolare, la gestione amministrativa centralizzata del personale offrirebbe dati in tempo reale e affidabili; un self service intuitivo per i dipendenti; maggiore efficienza e aiuterebbe a trasformare la direzione risorse umane in un partner strategico per l’azienda. Allo stesso tempo un sistema centralizzato con i dati dei candidati esterni e interni, la trasparenza dei ruoli vacanti e più risorse da dedicare alla selezione dei migliori e non a questioni amministrative, farebbe risparmiare 7 ore per candidato e 5 ore nella fase di onboarding. A loro volta con le soluzioni di Performance, Goal e Compensation, con un miglior allineamento alle strategie aziendali, analisi accurate delle performance e relativi programmi retributivi, si è calcolato che ciascuno dei 110 responsabili risparmierebbero 35 ore all’anno. Anche rispetto allo sviluppo, alla formazione e ai piani di successione, con la piattaforma Sap sarebbe possibile costruire dei piani personalizzati, monitorabili anche in relazione alle posizioni aperte, alle esigenze aziendali e alla conformità alle normative.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4