Success Story

Il periodo sabbatico diventa benefit aziendale, ed è anche pagato. L'esempio di Skylabs

L’idea è la vincitrice della “Call for Benefit” con cui l’azienda ha coinvolto i suoi dipendenti nel percorso di potenziamento delle politiche di welfare aziendale. Tre i premi in palio: l’adozione immediata del progetto di miglioramento vincitore, il conseguente coinvolgimento diretto nelle scelte aziendali e, in aggiunta, un corrispettivo in denaro commisurato con la posizione occupata sul podio

22 Lug 2022

Redazione

Maturati i 6 anni di anzianità, il dipendente può chiedere di fruire del periodo sabbatico di un mese, mantenendo la regolare retribuzione. È questo il singolare benefit aziendale appena introdotto da Skylabs, azienda che fornisce servizi di consulenza, system integration e di implementazione di strumenti di business.

Un Call interna per introdurre nuovi benefit aziendali

È sempre più chiaro alle aziende che individuare come prendersi cura del benessere del lavoratore, fisico e mentale, è una delle strade da percorre per contrastare l’aumento del tasso di turnover, migliorare l’attrattività e rendere le persone più produttive. Si tratta di un vero e proprio cambio di paradigma che vede ora i lavoratori al centro del business. Aziende lungimiranti hanno già imboccato questa strada ora tutta da esplorare, e con creatività e occhi puntati verso il futuro sperimentano nuovi modi di migliorare il welfare aziendale. È con questo intento e con questo spirito che è nata la “Call for Benefit” che Skylabs ha proposto ai suoi oltre 80 dipendenti distribuiti tra le cinque sedi di Catania, Palermo, Roma, Milano e Lugano attraverso la condivisione di un form online. Tre i premi in palio: l’adozione immediata del progetto di miglioramento vincitore, il conseguente coinvolgimento diretto nelle scelte aziendali e, in aggiunta, un corrispettivo in denaro commisurato con la posizione occupata sul podio.

WHITEPAPER
Sfrutta l’identità digitale per accelerare l’onboarding e migliorare la relazione con i tuoi clienti
Dematerializzazione
Digital Transformation

Un periodo sabbatico per premiare la fedeltà e l’impegno dei dipendenti

Unicità, benessere individuale/ambientale, originalità, universalità e fattibilità immediata sono stati i criteri sulla base dei quali è stato assegnato il primo posto alla proposta di introdurre il periodo sabbatico di un mese dedicato a tutte le persone raggiunto il sesto anno di anzianità in azienda.

“Minor assenteismo e turn over, lavoratori più felici e migliore profittabilità: sono solo alcuni tra gli aspetti positivi del coinvolgimento attivo dei lavoratori. Ecco perché introdurre il periodo sabbatico potrebbe essere considerato come un ‘passo azzardato’, ma noi lo interpretiamo come una possibilità in più da dare ai dipendenti che hanno dimostrato costanza nel tempo e il loro valore”, ha dichiarato Luca Martino, Ceo di Skylabs.

Al secondo posto si è posizionata la “Skylabs Monthly Lunch”, ovvero la possibilità di aggiungere agli eventi aziendali già in programma, anche un pranzo aziendale al mese con uno chef dedicato. Grazie alla terza classificata, in Skylabs si lavorerà anche in Smart Working in location da sogno precedentemente selezionate e offerte dal digital partner.

“Siamo già al lavoro – afferma Salvatore Diana, CTO di Skylabs – per organizzare la nuova edizione della Call For Benefit. Nel frattempo, abbiamo deciso di valutare tutte le altre proposte e proseguiamo con il nostro percorso interamente dedicato alla cura del benessere fisico e mentale. Presto introdurremo nuovi benefit relativi a queste aree strategiche per la costruzione di un’azienda dove lavorare al meglio”.

Che questo approccio provenga da Skylabs in realtà non stupisce molto. L’azienda, da sempre proiettata verso l’innovazione, è stata premiata dalla società Great Place to Work prima con il prestigioso riconoscimento di Best Workplaces Italia, rientrando nella Top 5 delle migliori aziende di medie dimensioni in cui lavorare nel Paese, e poi con il Best Workplaces for Diversity, Equity and Inclusion. Recentemente si è anche aggiudicata anche il Community impact Partner of the year di Salesforce.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Canali
H
HR
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
benessere organizzativo
W
Welfare aziendale

Articolo 1 di 4