Le stampanti Brother per garantire distanziamento e produttività

Sponsored Story

Dal Balanced Deployment alla gestione in Smart Working: le nuove frontiere della stampa per garantire distanziamento e produttività

Le soluzioni software delle stampanti compatte A4 di Brother contribuiscono alla continuità aziendale in totale sicurezza con il corretto distanziamento e la modalità touchless, assicurando al contempo efficienza e velocità. Utili anche in Smart Working per l’archiviazione documentale

28 Ott 2020

Redazione

Le stampanti compatte A4 Brother, il Gruppo giapponese con oltre 110 anni di vita e da oltre trenta in Italia, aiutano le organizzazioni a garantire il distanziamento sociale in ufficio e a garantire la continuità produttiva anche in Smart Working. Piccole, ma altrettanto veloci, efficienti e multifunzione come le classiche A3, in accordo con il modello Balanced Deployment, sono distribuibili su scrivanie libere e tavolini accanto alle diverse isole di desk e vengono collegate alle postazioni di 5-7 persone , anche se avrebbero una portata molto maggiore ma non funzionale a questa fase di pandemia. Il contenimento dei contagi ha infatti reso necessario strutturare la ripartenza, e ora la gestione di questa seconda ondata di virus, con precise misure di distanziamento fisico negli uffici, ripensando i flussi di presenza e gli spostamenti nelle aree comuni.  

Balanced deployment: via libera alla logica di decentramento fisico delle stampanti

Non solo postazioni di lavoro distanziate, mense chiuse e orari d’ingresso scaglionati, ma anche un diverso concetto di area di stampa contribuisce a una buona riuscita della riorganizzazione aziendale in era Covid. Il cosiddetto “Balanced deployment”, per esempio, è la gestione degli spazi e degli strumenti aziendali in una logica decentrata fisicamente, in modo da bilanciare operatività e sicurezza. Così oggi, grazie alla connessione in rete e alla centralizzazione informativa della gestione e manutenzione delle macchine, è possibile governare efficientemente il parco macchine anche se viene distribuito più capillarmente, con accessi locali più limitati. La concentrazione, precedente al Covid, delle aree di stampa a margine degli open space, attorno a grandi stampanti multifunzioni cui potevano accedere 30-50 persone alla volta, creava per forza capannelli di persone in attesa dell’uscita delle proprie stampe. Questa prassi è oggi considerata a rischio di contagio, come la sosta davanti alla macchinetta del caffè. Le dimensioni contenute delle stampanti compatte Brother e le molteplici funzionalità di stampa vanno invece incontro a una distribuzione bilanciata del parco stampanti in ufficio.

L’NFC e le funzioni di sicurezza touchless

Nelle stampanti compatte Brother il processo di stampa si avvale di una card NFC, grazie al lettore integrato nei dispositivi. Se fino a ieri il principale beneficio nell’utilizzare la tecnologia Near Field Communication era assicurare la riservatezza dei documenti (dopo l’invio dal computer la stampa avveniva solo alla presenza dell’interessato che doveva passare la tessera o digitare una password sul dispositivo di stampa), oggi la card garantisce anche la sicurezza igienico-sanitaria: per lanciare il processo di stampa non è necessario toccare con le dita il display della stampante condivisa con altri colleghi. La tecnologia NFC consente, infatti, una connettività wireless sicura tra due dispositivi, con relativo scambio di dati. Inoltre, grazie alla centralizzazione dell’assistenza e alle soluzioni di Request Help e Remote Panel i colleghi dell’IT e i manutentori possono intervenire sul software da remoto e risolvere errori o guasti non solo in modo rapido ed efficiente, spesso prevenendo fermi macchina, ma anche in sicurezza, senza spostarsi dalla loro postazione.

A casa come in ufficio

Grazie alle soluzioni software delle stampanti compatte Brother e alla loro connessione in rete, le funzionalità disponibili in ufficio sono attive anche a casa. Questo è un plus soprattutto ora più che mai vista l’adozione dello Smart Working per periodi prolungati. Basti pensare al caso di chi lavora in amministrazione e deve procedere a un’archiviazione documentale cartacea (e allora servono le stampe cartacee), o elettronica attraverso la lettura dei codici a barre o scansioni di documenti cartacei (con scanner): anche per questi dipartimenti è fondamentale trovare i giusti strumenti per garantire la possibilità di lavorare da remoto in sicurezza. Una stampante a casa connessa alla rete aziendale permette di usufruire di tutte le funzionalità dell’ufficio, della manutenzione online attraverso il Remote Panel e del riordino online quando è in fase di esaurimento del toner, che viene consegnato direttamente a casa senza causare fermi macchina né creare accumulo di materiale di cancelleria in ufficio o a casa. Grazie alla connessione internet il riordino è in tempo reale, con tempi di consegna velocissimi attraverso il centro assistenza. In conclusione, le stampanti Brother dotate di software all’avanguardia e in formato compatto, adatto a casa e alla redistribuzione degli spazi in ufficio in era Covid, aiutano a lavorare in sicurezza e danno continuità al proprio ritmo produttivo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

Brother

Approfondimenti

C
Coronavirus
S
stampa
S
stampanti

Articolo 1 di 4