Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Change management

WebScience aiuta Pirelli a ridurre la complessità organizzativa

Il progetto pluriennale di collaboration – tra i finalisti dei Digital360 Awards nella categoria “Smart working, Collaboration ed eLearning” – ha già portato risultati rilevanti nelle divisioni R&D e Finance e sarà esteso entro il 2017 ai 30mila operai che lavorano all’interno degli stabilimenti

04 Ago 2016

redazione

Quando si parla di change management spesso lo si considera ancora un concetto astratto, slegato da comportamenti e strumenti che possono fare la differenza nel quotidiano delle attività aziendali. Pirelli Project & Communities, il piano portato avanti da Pirelli e WebScience dimostra l’esatto opposto: favorire la collaboration e renderla pervasiva si sta rivelando un vero e proprio percorso pluriennale tuttora in fieri che sta pragmaticamente riducendo la complessità organizzativa di un’azienda da decine di migliaia di risorse sparse in tutto il mondo. La creazione di una Intranet con aree specifiche che hanno l’obiettivo di far incontrare persone che lavorano su stessi progetti, con precise classificazioni dei contenuti sta provocando un vero cambiamento nel modo di operare, ripercuotendosi positivamente sui risultati di business. Lo snellimento e la condivisione dei processi, la comunicazione e il coinvolgimento del personale, lo sviluppo delle famiglie professionali hanno generato un miglioramento della disponibilità della conoscenza formalizzata, con circa un milione di documenti condivisi e una riduzione dello scambio di email del 25%, con risparmi fino al 50% di giorni-uomo impegnati per le diverse attività. Come spiega nel video Marco Mazzucco, CIO di WebScience, si è partiti dai reparti R&D e Finance nel 2014 (con il coinvolgimento di circa 1500 persone) e si arriverà nel 2017 a estendere la piattaforma ai 30mila operai attivi negli stabilimenti. Un obiettivo ambizioso che, insieme all’esecuzione del piano, ha portato il progetto tra i finalisti dei Digital 360 Awards, nella categoria “Smart working, Collaboration ed eLearning”.

Articolo 1 di 4