Ricerca

Smart working: crescono lavoro in mobilità e spazi condivisi

Secondo una ricerca svolta da Regus, quasi la metà tra manager e professionisti svolge la proprie attività da remoto per almeno metà della settimana, grazie alla diffusione di dispositivi mobili e a connessioni sempre più veloci. Contemporaneamente gli uffici “cambiano pelle” e si riattrezzano: diminuiscono le postazioni fisse e aumentano gli spazi comuni

07 Nov 2014

Gaia Fiertler

Fuori tutti. Dall’ufficio tradizionale. Quasi la metà tra manager e professionisti ormai lavora in movimento e in remoto per almeno metà della settimana, come ha recentemente sottolineato anche l’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano. Questo avviene soprattutto grazie alla diffusione di dispositivi mobili e a connessioni sempre più veloci (il 46% in Italia e il 48% a livello globale). È quanto emerge dalla ricerca svolta da Regus, fornitore di spazi di lavoro flessibili, in 100 Paesi su oltre 22.000 manager e professionisti.

E mentre gli uffici stessi cambiano pelle e si riattrezzano, con risparmi notevoli, riducendo le postazioni fisse e aumentando gli spazi comuni e di “appoggio”, cresce vertiginosamente la domanda di luoghi condivisi e di uffici temporanei, dove poter lavorare in modo comodo e sicuro (+83% rispetto all’anno precedente – fonte: Deskmag Third Annual Coworking Survey, 2013).

Ma quali caratteristiche devono avere queste nuove location esterne al tradizionale luogo di lavoro? Innanzitutto la disponibilità di connessioni veloci e affidabili (per l’82% dei rispondenti), seguita dalla sicurezza per gli effetti personali, i dispositivi elettronici e i documenti (67%). La qualità dei locali, degli arredi e la funzionalità degli spazi è un altro punto rilevante e particolarmente sentito (Italia 54,1%, media 63%), insieme a servizi di segreteria efficienti e professionali (Italia 48,6%,media 55%).

WEBINAR
Come (e perché) garantire la security by default con IT ibrido e multicloud
Cloud
Sicurezza

Ma in tutto questo che ruolo ha la mobilità? Che benefici ha rispetto al posto di lavoro tradizionale? Prima di tutto la facilità di collegamento con reti di trasporto pubblico (49% dei rispondenti), con significative differenze tra Nord America e i Paesi europei e asiatici. Negli Stati Uniti, infatti, la vicinanza ai mezzi di trasporto pubblici è un’esigenza poco sentita (28%), che arriva al 39% in Canada, poiché ci si muove soprattutto in automobile. In Cina e Giappone invece è sentita da oltre la metà (55%) e cresce nei Paesi europei: in Germania è al 67%, in Francia al 62%, nel Regno Unito al 56% e in Italia al 52,5%. Complementare a questa esigenza è la disponibilità di posti auto, ritenuta importante dal 48% a livello mondiale e dal 40% in Italia. A seguire la vicinanza a casa (23%), la location in zone o edifici di prestigio (19%) e la vicinanza a scuole e asili nido (6%).

«Molti professionisti e manager non hanno più la necessità di viaggiare quotidianamente per raggiungere una sede di lavoro fissa, perché smartphone, tablet, portatili e applicazioni basate sul Cloud consentono di connettersi con flessibilità e in modalità remota», commenta Mauro Mordini, General manager di Regus in Italia. «Poter utilizzare le tecnologie esistenti per lavorare presso una sede più pratica e comoda come un business center, consente di svolgere la propria attività in modo più produttivo, ma anche in piena sicurezza e tranquillità, avvalendosi di strutture professionali e di un supporto di segreteria efficace. In questo modo si risparmia sui costi fissi di struttura, ottimizzando il tempo e con meno stress dovuto agli spostamenti».

Smart working: crescono lavoro in mobilità e spazi condivisi

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 2