Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

gestione dei talenti

Recruiting, gestire l’acquisizione strategica di nuovi talenti in cinque passi

Per le aziende è fondamentale costruire un bacino di competenze cui attingere in qualsiasi momento, stabilendo in maniera continuativa contatti con potenziali candidati, anche non ancora disponibili. Cornerstone OnDemand indica cosa fare per superare i processi di ricerca tradizionali

27 Apr 2017

Christine Chenneour, Chartered FCIPD HR / Talent Director EMEA di Cornerstone OnDemandTecnologie digitali e smart working, si sa, hanno reso più liquide le organizzazioni. Cambiano i modelli gerarchici, ma anche le modalità di accesso alle nuove risorse umane. Secondo Cornerstone OnDemand, specialista del software per la gestione del capitale umano in ambiente cloud, passare dalla pura selezione a un processo di vera e propria acquisizione strategica significa costruire un bacino di talenti cui attingere in qualsiasi momento, stabilendo in maniera continuativa contatti con potenziali candidati e instaurando relazioni anche con chi al momento non è disponibile, ma che potrebbe essere interessato a esplorare nuove future opportunità. «Mentre nel recruiting tradizionale i selezionatori cercano candidati per posizioni che sono aperte in un momento specifico con notevole dispendio di tempo e risorse, l’acquisizione strategica dei talenti si configura come un approccio globale alla selezione che va oltre il semplice concetto di riempire posti vacanti con l’aiuto di strumenti on line», spiega Christine Chenneour, Chartered FCIPD HR / Talent Director EMEA di Cornerstone OnDemand. «Si tratta di una strategia che mira nel tempo a individuare, attirare, assumere e integrare i talenti migliori e più adatti a soddisfare le esigenze aziendali, con un notevole risparmio in termini costi per la selezione, un netto miglioramento della qualità del capitale umano e un minore tasso di abbandono». Sulla scorta di questa convinzione, Cornerstone OnDemand ha delineato i cinque passaggi fondamentali per un’acquisizione strategica dei talenti, anche attraverso lo sfruttamento dei tool gestionali disponibili sul mercato.

1. Attirare

Spesso, quando si tratta di attirare talenti in azienda, la prima impressione gioca un ruolo fondamentale. Come rileva un’indagine LinkedIn del 2016, per oltre l’80% dei business leader l’employer branding ha un impatto significativo non solo sulla capacità delle aziende di attirare i talenti, ma su quei candidati che non vengono assunti, ma che parleranno con altre persone dell’azienda e di come si sono sentiti durante il processo di selezione. Affidarsi inoltre a un software per personalizzare le aree del sito dedicate alla ricerca del personale può essere la strada giusta per mantenere il più semplice possibile l’intero processo, senza dimenticarsi che la compatibilità con i dispositivi mobili è un aspetto oggi imprescindibile, specie per le aree dei siti di selezione riservate a valutazione, integrazione, onboarding, video e formazione.

2. Selezionare

Alcune delle tipiche sfide delle HR nella fase di recruiting ruotano intorno alle difficoltà di scegliere il candidato giusto e gestire rapidamente ogni possibile ritardo per evitare di farselo sfuggire. Implementare strumenti on line per gestire il processo di selezione potrebbe essere la soluzione al problema. Questi strumenti, infatti, permettono di impostare criteri che aiutano a filtrare le domande, stabilire dei punteggi per individuare i candidati che più si avvicinano alle esigenze aziendali e ridurre drasticamente i tempi attraverso interviste social o colloqui virtuali.

3. Misurare

Introdurre strumenti online per migliorare la gestione dei processi di selezione potrebbe apparire troppo elevato, ma solo a una prima veloce analisi. Al contrario, l’adozione di piattaforme per la gestione del recruiting consente una riduzione dei costi – ad esempio in inserzioni sui giornali o sulle agenzie di selezione – e un evidente incremento del ROI. Inoltre, sul lungo periodo, grazie alle funzioni di analisi dei dati offerte da questi tool, sarà possibile riscontrare un aumento della qualità media dei candidati, con conseguente incremento della produttività generale.

4. Assumere

Nella fase di assunzione, complicate negoziazioni sulla retribuzione, lungaggini burocratiche o addirittura il rischio di perdere i candidati ideali, possono essere facilmente evitati se il processo di recruiting viene gestito via software. I parametri salariali possono, infatti, essere definiti tra i prerequisiti in campi personalizzati durante il processo di gestione della domanda, mentre il tempo tra l’ultimo colloquio e l’offerta finale può essere ridotto grazie ai dati raccolti sul candidato nel corso dell’intero processo. E se, nella peggiore delle ipotesi, il candidato ideale non fosse più disponibile sarà possibile rivolgersi alla «seconda scelta» senza troppe perdite di tempo.

5. Gestire l’onboarding

Nella fase di onboarding, infine, è necessario far conoscere l’azienda ai nuovi assunti, registrare i loro progressi e gestire il flusso di lavoro. In aziende medio-grandi o con una forza lavoro geograficamente dispersa, questo processo potrebbe essere abbastanza complicato e richiedere non pochi sforzi per avere successo. Un software per la gestione delle performance può supportare efficacemente queste azioni di onboarding continuative e strutturate, automatizzando i processi in flussi configurabili, aiutando i nuovi assunti a sentirsi coinvolti sin dal primo giorno e migliorando le prospettive di permanenza in azienda.

Recruiting, gestire l’acquisizione strategica di nuovi talenti in cinque passi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 5