Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Approfondimenti

Piaggio: gestione ottimale delle risorse umane per vincere in un business sempre più globale

La società ha adottato una nuova soluzione per gestire gli avanzamenti di carriera, la formazione e i premi per i dipendenti del gruppo a livello internazionale, coinvolgendo 2.200 persone

13 Lug 2012

Piaggio si è recentemente aggiudicata il premio per il miglior sistema di “Valutazione delle performance e gestione dei percorsi di carriera” conferito dall’Osservatorio HR Innovation Practice della School of Management del Politecnico di Milano.

Si tratta di una nuova soluzione per gestire gli avanzamenti di carriera, la formazione e i premi per tutti i dipendenti del gruppo a livello internazionale e si basa sulla performance complessiva di ciascuna persona e sui gap rilevati tra competenze effettive e competenze target del suo profilo professionale.

«Nel corso degli ultimi tre anni la nostra azienda ha conosciuto una fase di espansione molto rapida che ha determinato il mutare di alcune esigenze – ha spiegato Gianluca Poi, responsabile delle Risorse Umane in Piaggio, nel corso del convegno in cui è avvenuta la premiazione, tenutosi lo scorso giugno presso il Politecnico di Milano. – Oggi siamo un’azienda multinazionale ma con carattere locale: abbiamo stabilimenti in Vietnam, India ed Europa e tendiamo a vendere sugli stessi mercati».

In questo contesto è stato avviato il progetto, con diversi obiettivi. «In primo luogo – ha affermato il manager – capire come, dove e quando investire a livello internazionale, aspetto particolarmente importante in questi tempi di spending review attenta. C’è poi stata la volontà di ridurre il rischio legato alle risorse umane, anche in ottica di lungo periodo, per costruire una nuova generazione che andrà a costituire il management aziendale del futuro».

Il sistema permette poi di gestire in maniera ottimale le esigenze di mobilità. Se fino a poco tempo fa queste erano limitate al solo ambito nazionale, con spostamenti da e per il quartier generale situato in Toscana, vicino a Pisa, grazie alla soluzione è ora possibile capire istantaneamente quali persone del gruppo con le caratteristiche adeguate sono disponibili per una trasferta tra le varie sedi e stabilimenti.

«Il progetto – ha spiegato Poi – nasce nel 2010 e ha visto una prima fase di valutazione volta a definire le caratteristiche e i livelli di competenze manageriali richiesti, oltre che le tecnologie di riferimento. La scelta è infine ricaduta su Sap e Success Factor per via della necessità di raggiungere un così vasto numero di persone. A inizio 2011 c’è invece stata la partenza effettiva a livello italiano, con le valutazioni relative alla Direzione Commerciale del nostro Paese. Successivamente abbiamo esteso la valutazione a tutti i manager, white collar ed executive, per un totale di 2.200 persone a livello worldwide in un gruppo che ne conta circa 8.000.»

ll sistema utilizza come KPI (Key Performance indicator) le tradizionali matrici competenze manageriali/performance, competenze tecniche/performance. Sulla base delle performance ottenute si delineano quindi i profili di carriera e si decide di investire sugli individui più meritevoli. Il processo è stato acquisito da tutte le unità in tempi brevi, anche se è stato necessario fare interventi culturali, in particolare nei paesi asiatici che presentano diversità non trascurabili rispetto a quelli europei.

Lo stesso sistema viene anche utilizzato per la valutazione dei talenti, per i programmi di formazione e per quelli di sviluppo. In termini di change-management il progetto è stato gestito dalla funzione Risorse Umane: «abbiamo formato i manager e introdotto i nuovi strumenti prestando molta attenzione ai feedback ricevuti di volta in volta» ha concluso Poi.

BOX – IL GRUPPO PIAGGIO

Il Gruppo Piaggio opera a livello globale nel settore dei veicoli a due ruote (scooter e moto) e nel settore dei veicoli commerciali leggeri (sia a tre sia a quattro ruote). Fondato nel 1884 da Rinaldo Piaggio, il Gruppo dal 2003 è controllato da Immsi S.p.A., holding industriale quotata in Borsa Italiana facente capo a Roberto Colaninno, che ne è Presidente.

Nel 2011 ha registrato un fatturato consolidato di 1.516,5 milioni di euro, EBITDA di 200,6 milioni di euro e un utile netto di 47 milioni di euro. Nel corso dell’anno ha complessivamente venduto nel mondo 653.300 veicoli.

La gamma di prodotti comprende scooter, moto e ciclomotori nelle cilindrate da 50 a 1.200cc con i marchi Piaggio, Vespa, Gilera, Aprilia, Moto Guzzi, Derbi e Scarabeo. Il Gruppo opera inoltre nel trasporto leggero a tre e quattro ruote con le gamme di veicoli commerciali Ape, Porter e Quargo (Ape Truck). Il Gruppo Piaggio ha sede a Pontedera, vicino a Pisa e – sul piano della produzione – opera nel mondo con una serie di stabilimenti situati in Italia, Spagna, India e Vietnam, oltre ad operare con una società in joint venture in Cina.

Piaggio: gestione ottimale delle risorse umane per vincere in un business sempre più globale

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 5