Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Tendenze

IT manager sotto pressione per le richieste della Mobile Generation

Crescono nel mondo gli investimenti in wireless e device per soddisfare le nuove esigenze di lavoro. L’Italia arranca, non c’è attitudine al mobile working, ma i manager ne comprendono la necessità

03 Lug 2014

Redazione

Giocoforza, con la rivoluzione digitale l’organizzazione del lavoro sta cambiando verso una maggiore flessibilità, mobilità e commistione fra device personali e professionali nell’attività giornaliera. Quantomeno è ciò che chiedono, a livello globale, le nuove generazioni al lavoro e ora anche il management (il 77% dei dirigenti), che inizia a riconoscerne i vantaggi in termini di produttività, riduzione dei costi e retention delle new entry in azienda.

Secondo l’ultima ricerca globale #GenMobile di Aruba Networks – che ha coinvolto 1.000 professionisti IT a livello globale – sette responsabili su dieci sentono la pressione dei manager di alto livello e dei dipendenti di creare un ambiente di lavoro all-wireless, a supporto di una maggiore flessibilità e collaborazione.

Secondo la società specializzata in infrastrutture mobile per l’azienda, Il picco nella mobilità, espresso dall’aumento del lavoro da remoto (per un’azienda su due) e dall’incremento dell’uso di dispositivi personali sul posto di lavoro (per il 77%), fa avvertire alle divisioni IT l’urgenza di creare le condizioni adeguate.

«L’ambiente di lavoro del futuro richiederà un’infrastruttura mobile-centrica e wireless protetta, un passo verso il self-service da parte del dipendente e la volontà di abbracciare le tecnologie consumer per migliorare la produttività della generazione mobile», commenta Ben Gibson, direttore marketing di Aruba Networks.

Al momento, tuttavia, solo il 14% dei dipendenti ritiene di avere la flessibilità e la libertà necessarie. In Italia, addirittura, per la maggior parte non c’è ancora attitudine al mobile working e non c’è una policy per gestire il BYOD (Bring your own device), benché se ne senta l’esigenza.

A livello globale, invece, il 59% ha già previsto il BYOD o ha attuato nuove politiche per sostenerlo. Una su due, infatti, ha aumentato gli investimenti in Mobile Device Management e oltre il 70% ha incrementato quelli in Wi-Fi, mentre al 46% è stato concesso un aumento di budget per progetti futuri. Sei su dieci hanno invece dotato la popolazione aziendale di smartphone e tablet. In Italia, invece, cresce sì la pressione da parte della classe dirigente di lavorare in mobilità, ma non è ancora stato destinato un budget specifico.

Inoltre, sempre a livello globale, il 56% incoraggia o almeno non vieta l’uso di dispositivi personali sul posto di lavoro, mentre solo il 12% ne scoraggia l’uso per lavoro. Ma in ogni caso la sicurezza è al primo posto: il 74% sceglie o autorizza i dispositivi in modo da mantenere in sicurezza il flusso dei dati, mentre un 13% ne ha vietato la mobilità proprio per problemi di sicurezza. Anche in l’Italia le soluzioni di mobility sono scelte in base al grado di sicurezza.

Con la trasformazione digitale e i nuovi modelli di lavoro anche l’ufficio diventerà obsoleto e verrà sostituito da un hub, con una formula mista tra chi viaggia per lavoro e chi per piacere, tra spazi di lavoro condivisi e ambienti di lavoro flessibili (dal rapporto commissionato da Aruba alla società di analisi dei trend The Future Laboratory). In pratica, posti di lavoro più aperti e collaborativi, meno gerarchici, e dove le persone della generazione mobile gestiranno in autonomia gli orari di lavoro, come in parte sta già avvenendo nelle aziende più tecnologiche legate a business ICT e digital.

Articolo 1 di 5