Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Nuovi trend

Digital workspace, così lo vedono le imprese dell’area EMEA

Le nuove piattaforme di Smart Working consentono alle aziende di rendere efficace la forza di lavoro Mobile e migliorare la soddisfazione delle persone. Le barriere che ne ostacolano l’adozione? Timori legati alla sicurezza, scarsi investimenti e mancanza di competenze. L’analisi di VMware

30 Mar 2017

redazione

Oltre la metà (il 51%) delle aziende dell’area EMEA che hanno dato vita con successo a iniziative di digital workspace ha registrato un aumento delle entrate on line. Lo dicono i risultati del report “The State of the Digital Workspace” di VMware, realizzato intervistando oltre 1.200 responsabili aziendali e IT decision maker. Lo studio ha rivelato che il 57% di coloro che hanno trasformato il proprio digital workspace ha registrato miglioramenti nell’efficacia della forza lavoro mobile, il 54% ha riscontrato una maggiore soddisfazione degli utenti nel rapporto con l’IT, e il 47% rispetto alla sicurezza dei dispositivi, dei desktop e delle applicazioni.

Quasi la metà (49%) di responsabili IT e decisori aziendali dell’area EMEA ha registrato miglioramenti nei costi totali di gestione, e il 52% ne ha ottenuti per i costi complessivi. Questo ritorno sugli investimenti è stato guidato da una combinazione di fattori, fra cui un più veloce rilascio di applicazioni (34%), una maggiore sicurezza di desktop e dispositivi per la mobilità (29%) e una maggiore efficacia per l’utente finale (28%).

«Il mercato si sta muovendo verso una nuova fase di mobilità aziendale in cui le imprese devono fornire accesso alle applicazioni e alle risorse di tutti i tipi a utenti finali, clienti e partner, utilizzando qualsiasi dispositivo connesso», commenta Ian Evans, Vice President, End-User Computing EMEA di VMware.

La digital transformation in effetti è una priorità per molti, ma c’è un divario tra il potenziale del digital workspace e quello che le aziende hanno realizzato lo scorso anno. Nonostante questo, i responsabili in azienda identificano alcuni fattori che influenzano l’attuazione di iniziative per il digital workspace: la barriera principale è legata alla sicurezza (43%), seguita da questioni legate ai budget (38%) e dalle competenze necessarie per sostenere l’attuazione del digital workspace (25%).

Lo studio, tuttavia, rivela che quasi la metà degli intervistati in EMEA (46%) vede il digital workspace come un modo per affrontare i rischi legati alla compliance e alla sicurezza. Le aziende considerano inoltre come elementi necessari i software di gestione dei dispositivi mobili (38%) e i software di gestione del workspace (35%). I software di identity management, infine, sono in cima alle priorità dei financial service, con il 37% che li identifica come un elemento necessario.

Articolo 1 di 5