Capgemini, AAA competenze digitali cercansi - Digital4

mercato del lavoro

Capgemini, AAA competenze digitali cercansi

La digital transformation richiede nuove competenze e professionalità. Per supportare in modo adeguato le organizzazioni in questa fase di transizione, la nota società di consulenza aggiunge al proprio organico una nuova unità di oltre 200 esperti specializzati nell’ambito Internet of Things

22 Apr 2015

Redazione

Dalla rivoluzione della fatturazione elettronica obbligatoria, per chi lavora con la pubblica amministrazione, alla prossima rivoluzione industriale – la cosiddetta “Internet of Things” – che collegherà oggetti, strumenti, macchinari e dispositivi senza più l’intervento umano – la digital transformation chiama a raccolta competenze e professionalità di ultimissima generazione.

Sulla scia di questi nuovi trend, ci sono aziende che crescono e assumono, come Capgemini, uno dei principali fornitori mondiali di servizi di consulenza, information technology e outsourcing, che sta affiancando le organizzazioni nella transizione al digitale per valorizzare le potenzialità delle tecnologie social, mobile, analytics, Cloud e, appunto, l’Internet of Things. Proprio relativamente all’ultima area ha avviato un piano di investimento per lo sviluppo di servizi e soluzioni che trasformino questa rivoluzione in opportunità concrete per le aziende italiane e, allo scopo, ha creato una nuova unità di oltre 200 esperti, che raddoppieranno entro l’anno.

Ma sono cinque anni consecutivi che il Gruppo aumenta il proprio organico anche in Italia, oggi arrivato a 3.000 dipendenti (+60%) e, per quest’anno, prevede ancora un piano di assunzioni per 500 neolaureati in ingegneria informatica, ingegneria gestionale, ingegneria delle telecomunicazioni, informatica, matematica, economia, scienze economiche e bancarie, da ripartire nelle 10 sedi dislocate in tutta Italia.

360digitalskill
Diventa un leader digitale: crea il percorso per te e il tuo team
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Ma non basta. Per accompagnare nella rivoluzione digitale grandi, medie e piccole aziende, chi entrerà in squadra dovrà avere un’ottima conoscenza della lingua inglese, capacità di lavorare in team e sapersi relazionare con le persone, comprendere le esigenze di business e tradurle in risultati, avere massima apertura mentale e voglia di apprendere e condividere le proprie esperienze.

Per quanto riguarda poi la crescita professionale dei dipendenti, Capgemini punta su percorsi di formazione e sviluppo personalizzati per far emergere le potenzialità di ognuno e metterle al servizio dell’azienda e dei clienti. Così, per la sesta volta, ha ricevuto la certificazione Top Employers per essersi distinta per le migliori condizioni di lavoro, per la formazione e la valorizzazione dei talenti a ogni livello aziendale e per il costante impegno nel migliorare le proprie politiche del lavoro.

«Continuiamo a investire nelle persone, sia giovani neolaureati sia professionisti avviati, assumendo ed estendendo la nostra struttura, che ha registrato negli ultimi cinque anni una crescita costante dell’organico. Questo va in controtendenza con la difficoltà che sta vivendo il mercato del lavoro in Italia, con tanti giovani che faticano a inserirsi in un contesto professionale adeguato alle loro capacità e agli studi compiuti», dichiara Maurizio Mondani, CEO di Capgemini Italia. Che ha l’obiettivo di crescere ancora nei prossimi anni.

Capgemini, AAA competenze digitali cercansi

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 2