Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

HR Transformation

Benefit aziendali, se flessibili e personalizzati rendono i dipendenti soddisfatti

Uno stipendio elevato, un’assistenza sanitaria completa e un piano pensionistico solido una volta erano considerati i benefit aziendali più importanti. Ma le cose sono cambiate. Adesso i dipendenti si aspettano di tutto: possibilità di lavorare da casa, mentoring professionale, servizi a supporto della salute e del worklife balance

09 Apr 2019

Andrea Bandini*

CEO, Gympass Italia

Flessibilità è la nuova parola d’ordine anche quando si parla di benefit aziendali. Considerando la flessibilità a cui si è abituati oggi, è facile capire come i benefit tradizionali possano essere percepiti come limitati e che una soluzione unica non può funzionare per tutti. Per restare al passo con i tempi i programmi di benefit devono essere diversificati e consentire ai dipendenti di poterli personalizzare. Ciò mostra una maggiore elasticità della cultura aziendale e migliora l’esperienza lavorativa dei dipendenti, consentendo inoltre all’azienda di attirare nuovi talenti, fidelizzare i dipendenti e migliorare la produttività.

Un approccio flessibile non attira solo una generazione. Sta infatti diventando rapidamente parte di un fenomeno crescente che riconosce l’individualità della vita condotta dai dipendenti e i vantaggi che questi possono trarre dai benefit aziendali flessibili: migliore stato di salute, maggiore equilibrio fra vita privata e lavoro, supporto nel raggiungimento dei propri obiettivi e aspirazioni. I benefit flessibili supportano il benessere dei dipendenti su tre diversi ambiti: lavorativo, fisico e intellettuale. Prendere in considerazione queste tipologie può supportare i responsabili delle Risorse Umane a creare diversi programmi di benefit aziendali che saranno valutati da una popolazione di dipendenti altrettanto diversificata.

Smart Working e permessi per il benessere ‘lavorativo’

Tra i benefit aziendali lo Smart Working e i permessi retribuiti illimitati rientrano nell’ambito del benessere lavorativo. I dati a supporto dello Smart Working sono molti, esiste però ancora una buona fetta di datori di lavoro che afferma che lavorare da casa porti a un rischio di isolamento, nonostante sia sempre più evidente che in realtà sia fonte di coinvolgimento: una ricerca di Harvard Business Review mostra che l’87% dei lavoratori da remoto si sente più partecipe se connesso in video conferenza. Ciò che conta è fornire ai dipendenti degli strumenti adeguati per poter lavorare da remoto. Secondo la Society for Human Resource Management (SHRM), i permessi retribuiti sono uno dei benefit più desiderati dai dipendenti, perchè intuiti come la riprova della fiducia che l’azienda ripone nel personale.

Incentivare l’attività fisica è un benefit ‘fisico’

Rispetto al benessere fisico, un aspetto importante è proprio l’incentivazione dell’attività fisica da parte del datore di lavoro. I benefit sportivi permettono ai dipendenti di svolgere attività fisica in base alle proprie abitudini e orari, da soli o in compagnia. I gruppi fitness possono motivare e favorire l’interazione sociale, inoltre migliorare lo stato di salute fisica riduce i giorni di malattia, l’assenteismo, aumentando al contempo la produttività e attirando i migliori talenti. Per esempio, noi di Gympass, in quanto società specializzata nel corporate wellness, abbiamo sviluppato una piattaforma per incentivare il benessere attraverso l’attività fisica permettendo ai dipendenti di accedere a oltre 43.000 palestre in tutto il mondo che offrono lezioni come crossfit, yoga, pilates, arti marziali e sala pesi. La copertura capillare non vincola le persone a una sola struttura sportiva, ma da libero accesso a tutto il network per 365 giorni all’anno, permettendo di provare oltre 800 attività sportive diverse.

Programmi di mentoring e crescita professionale per il benessere intellettuale

Nella categoria del benessere intellettuale rientrano i programmi di mentoring e crescita professionale. È risaputo che il modo più sicuro di fare carriera nel mondo del lavoro è quello di non smettere mai di imparare. Incoraggiare la crescita professionale è un must per le aziende di qualsiasi settore che vogliano attirare e fidelizzare dipendenti qualificati.

In conclusione, è fondamentale comprendere che i dipendenti non sono gli unici a ottenere vantaggi da un pacchetto di benefit aziendali più ampio e flessibile: infatti, fornire un programma di flexible benefit può dare prestigio all’azienda aiutandola al contempo a trovare nuovi talenti e a generare entusiasmo fra i dipendenti.

Andrea Bandini

CEO, Gympass Italia

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5