Houston Health di Bizmatica: il contact tracing per il welfare aziendale

Sponsored Story

Houston Health di Bizmatica per il contact tracing: quando la tecnologia è al servizio del welfare aziendale

In questo periodo il welfare aziendale si focalizza sulla necessità che i collaboratori possano lavorare in piena sicurezza. Per garantire questa condizione sono di grande aiuto le app di contact tracing. Houston Health App di Bizmatica garantisce il rispetto della privacy ed è integrabile con i sistemi gestionali già presenti in azienda

17 Dic 2020

Redazione

Il concetto di persona intesa come risorsa aziendale da valorizzare è già evidente per tutte quelle realtà aziendali che hanno compreso come il cambiamento culturale sia alla base di ogni processo di trasformazione aziendale. Anche quando si tratta di quella digitale. Collaboratori più coinvolti e soddisfatti lavorano in modo più proficuo, portando significativi benefici non solo in termini di efficienza e produttività, ma anche in termini di maggiori input che posso trasformarsi per l’azienda in opportunità per migliorare il proprio posizionamento di mercato.

L’attuale contesto di emergenza ha ulteriormente posto l’accento sull’importanza delle persone. Se da una parte i collaboratori chiedono alle aziende processi per essere aiutati nel loro percorso professionale e che le loro skill siano riconosciute e valorizzate, dall’altra ancora prima emerge la necessità di poter svolgere l’attività quotidiana in massima sicurezza.

Il concetto di benessere si è quindi ampliato a una nuova interpretazione legata alla concreta necessità di tutelare la salute del collaboratore perché possa svolgere in totale sicurezza il suo lavoro, aumentandone la soddisfazione e quindi la produttività. Questo vale ancora di più in quei settori dove l’applicazione dello Smart Working non è sempre applicabile, come il manifatturiero e l’industria alimentare e farmaceutica. Senza dimenticare che il mantenimento di un certo livello di attenzione sarà sicuramente necessario anche al rientro di tutti i collaboratori dopo la fine del periodo pandemico.

Con queste premesse, è evidente che il ruolo della Direzione del Personale diventa ancora più strategico e che il ricorso a strumenti di gestione del personale si fa più impellente, insieme alla necessità di possedere skill in differenti ed innovative aree come quella tecnologica. Il responsabile risorse umane, infatti, non può più occuparsi solo di aspetti amministrativi o giuslavoristici, ma è necessario che conosca i processi primari, operativi e gestionali dell’azienda, per creare aiutare a creare ambienti di lavoro in cui la tecnologia con cui il collaboratore lavora e interagisce quotidianamente diventi uno strumento di supporto e un facilitatore. Ed è qui che emerge come tecnologia e digitale possano diventare centrali anche nella definizione delle strategie di welfare aziendale.

Tra tutti gli strumenti che il professionista delle risorse umane ha a disposizione, Houston Health per il contact tracing, risponde all’esigenza di tutelare la salute dei collaboratori, informandoli tempestivamente di un potenziale rischio di contagio al COVID-19, a seguito di contatto avuto con una persona risultata positiva. Al centro dell’applicazione stessa c’è tuttavia ancora il concetto di persona, con un sistema di tracciamento in grado di garantire l’anonimato e quindi il rispetto della privacy.

Houston Health App consente infatti il tracciamento dei contatti tra persone grazie alla tecnologia Bluetooth LE, rilevando informazioni tramite un trasmettitore, il beacon, che trasmette chiavi univoche. Si tratta quindi di un sistema codificato che non permette di risalire all’identità del dipendente, proteggendone integralmente la privacy. Una volta entrate in azienda, le persone sono tracciate all’interno del perimetro della rete aziendale e avvertite, tramite un sistema di notifiche, in caso di contatti con persone risultate infette. In caso di positività, il lavoratore può richiedere un numero di protocollo all’ufficio HR; questo codice di protocollo, una volta confermato dal lavoratore stesso, spingerà il server centrale a trasmettere il codice dell’utente risultato positivo a tutte le app, che possono così verificare, ognuna singolarmente, se questi codici risultano tra quelli con cui la propria app è entrata in contatto nei giorni precedenti. Risiedendo le informazioni relative all’associazione solo in locale, il server centrale gestisce i codici e le notifiche senza avere visibilità della loro appartenenza.

Le applicazioni di contact tracing studiate per le imprese, come Houston Health, sono trasparenti ed efficienti, e, al pari di qualsiasi altro strumento digitale aziendale, sono pensate per essere integrabili nell’universo di tecnologie gestionali già presenti in azienda. Inoltre, consente al responsabile HR di creare delle leve in grado di favorire la condivisione di informazioni da parte di chi è risultato malato (es. supporto sanitario dedicato in caso di rilevata positività), aumentando l’efficacia dell’app stessa.

Si tratta quindi di uno strumento che l’azienda può, in modo semplice, attivare per far sentire il collaboratore tutelato, in piena coerenza con tutti quei processi che rientrano nel più ampio tema della sicurezza sul luogo di lavoro: è un caso concreto in cui la tecnologia è realmente al servizio dell’azienda.

Per saperne di più su Houston Health, rivivi l’intervento di Giovanni Ripoldi, CTO di Bizmatica Econocom al ForumHR.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Redazione

Articolo 1 di 4