Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Eventi

Smart Working, «non sottovalutate le tecnologie»

Emanuele Madini, Smart Working & Workspace Innovation Practice Leader di P4I-Partners4Innovation, invita a partecipare il 15 novembre a Milano alla sessione del Dell Technologies Forum “L’ambiente di lavoro è ovunque. Soluzioni moderne per utenti produttivi”, per comprendere come i sistemi IT creino spazi di lavoro virtuali coerenti con i principi di flessibilità

30 Ott 2018

Quando si pensa allo Smart Working spesso l’aspetto tecnologico viene sottovalutato, tuttavia è proprio la tecnologia il vero motore di questi progetti, perché abilita nuovi comportamenti lavorativi e accelera i percorsi di Digital Transformation. Per promuovere il lavoro agile in azienda non basta dotare le persone di laptop e smartphone, ma bisogna porre attenzione ai principi di usabilità, accessibilità e sicurezza dei sistemi IT per creare degli spazi di lavoro virtuali coerenti con i principi di flessibilità di un modello di Smart Working.

Emanuele MadiniSmart Working & Workspace Innovation Practice Leader di P4I-Partners4Innovation, invita ad approfondire questi temi nella sessione pomeridiana “L’ambiente di lavoro è ovunque. Soluzioni moderne per utenti produttivi”, che si terrà dalle ore 14:15 alle ore 15:45 il 15 novembre a Milano presso il MiCo – Milano Congressi. L’evento è gratuito, per partecipare è necessario essere registrati al Dell Technologies Forum.

Per contestualizzare il fenomeno dello Smart Working, bisogna ricordarsi che oggi in Italia gli smartworker sono oltre 300mila, e che questo numero continua ad aumentare: i lavoratori, pur essendo dipendenti, possono gestire in autonomia le attività professionali, senza timbrare il cartellino, utilizzando pc e smartphone configurati per il lavoro da remoto e la collaborazione a distanza.

Più questo modello prende piede, più è evidente che per ottenere maggiori benefici in termini di produttività e soddisfazione sia necessario fornire strumenti con user experience ottimale, prestazioni elevate, sicurezza e massima efficienza nei processi.

Durante il workshop saranno presentati i risultati concreti di chi ha già adottato questo modello, ma anche i passi fondamentali da compiere e gli errori da evitare per chi voglia adottarlo, sottolineando l’importanza della sicurezza nelle soluzioni di collaboration.

Per assicurarsi il posto alla sessione clicca qui.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

Emanuele Madini

Aziende

D
Dell

Approfondimenti

D
Dell Technologies Forum
E
evento
S
Smart Working

Articolo 1 di 4